Strumenti Utente

Strumenti Sito


terzo_conto_energia_2011-2013

Terzo Conto Energia 2011-2013

Le Tariffe del Terzo Conto Energia
Impianti Entrati in Esercizio dal 01/01 al 30/04/11 Impianti Entrati in Esercizio 01/05 al 31/08/11 Impianti Entrati in Esercizio dal 01/09 al 31/12/11
Intervallo di Potenza Fotovoltaico su Edificio Altri Impianti Fotovoltaico su Edificio Altri Impianti Fotovoltaico su Edificio Altri Impianti
kW EURO/kWh EURO/kWh EURO/kWh EURO/kWh EURO/kWh EURO/kWh
1⇐P⇐3 0,402 0,362 0,391 0,347 0,380 0,333
3<P⇐20 0,377 0,339 0,360 0,322 0,342 0,304
20<P⇐200 0,358 0,321 0,341 0,303 0,323 0,285
200<P⇐1000 0,355 0,314 0,335 0,309 0,314 0,266
1000<P⇐5000 0,351 0,313 0,327 0,289 0,302 0,264
P>5000 0,333 0,297 0,311 0,275 0,287 0,251

Il 24 agosto 2010 e' uscito sulla Gazzetta Ufficiale n.197 il decreto del 6 agosto 2010 del Ministero dello Sviluppo Economico che stabilsce le tariffe incentivanti provenienti da impianti fotovoltaici che entreranno in servizio nel triennio dal 2011 al 2013.
Le tariffe incentivanti sono state mediamente ritoccate del 6 % per ogni quadrimestre del 2011 (vedi tabella sopra). Saranno poi ridotte di un altro 6 % annuo nel 2012 e nel 2013. L'investimento nel fotovoltaico sara' quindi ancora altamente redditizio nei prossimi anni.

I presupposti per cui continuera' la corsa al fotovoltaico ci sono tutti. Per questo il nuovo decreto ha portato il limite di potenza incentivabile dagli attuali 1200 MegaWatt ai 3000 previsti per il triennio del Terzo Conto Energia.

Premi sulla Tariffa Incentivante

La convenienza del Terzo Conto Energia sta' nei premi che permetteranno importanti incrementi sulle tariffe incentivanti di base:

  • 20% per gli Impianti Fotovoltaici di potenza complessiva nominale superiore a 200 kW caratterizzati da un profilo di scambio con la rete prevedibile.
  • 5% per gli impianti non installati su edifici, realizzati in zone industriali, cave o discariche esaurite, zone commerciali o siti contaminati.
  • 10% per gli impianti realizzati in sostituzione di coperture in eternit o comunque contenenti amianto.
  • fino al 30% per gli impianti su edifici abbinati ad un uso effciente dell'energia. In questa categoria sono gli edifici che hanno una riduzione di almeno il 10% di entrambi gli indici (estivo ed invernale) di prestazione energetica oppure gli edifici di nuova costruzione con una prestazione energetica per il raffrescamento estivo inferiore di almeno il 50% dei valori minimi individuati nell'art.4, comma 3, del DPR 59/2009.

Principali Novita' del Nuovo Decreto

(fonte sito GSE) Il DM 6/8/2010 (Terzo Conto Energia), pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 24/08/2010, è stato emanato per dare continuità al meccanismo di incentivazione in Conto Energia per gli impianti fotovoltaici già avviato con i decreti del 28/07/2005, 06/02/2006 (Primo Conto Energia) e 19/02/2007 (Secondo Conto Energia).
Possono usufruire degli incentivi definiti nel provvedimento tutti gli impianti che entrano in esercizio dopo il 31/12/2010 a seguito di interventi di nuova costruzione, rifacimento totale o potenziamento, appartenenti a quattro specifiche categorie:

  • gli impianti fotovoltaici (“su edifici” o “altri impianti”);
  • gli impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative;
  • gli impianti fotovoltaici a concentrazione;
  • gli impianti fotovoltaici con innovazione tecnologica.

Per ogni categoria è stato definito un limite di potenza incentivabile:

  • 3000 MW per gli impianti fotovoltaici;
  • 300 MW per gli impianti fotovoltaici integrati architettonicamente con caratteristiche innovative;
  • 200 MW per gli impianti fotovoltaici a concentrazione.

Per gli impianti fotovoltaici a concentrazione le tariffe sono applicabili a partire dal 25/08/2010, data di entrata in vigore del Decreto.
Non è stata riservata capacità da incentivare per gli impianti fotovoltaici con innovazione tecnologica, per i quali è atteso un successivo provvedimento da parte del Ministero dello Sviluppo Economico (MSE), di concerto con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela dl Territorio e del Mare (MATTM), che ne definirà i criteri e le modalità per l’incentivazione.
Gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti fotovoltaici valgono a partire dalla data di entrata in esercizio per un periodo di 20 anni, la tariffa è costante in moneta corrente per tutto il periodo di incentivazione.
Il periodo di diritto alle tariffe incentivanti è considerato al netto di eventuali interruzioni dovute a problematiche connesse alla sicurezza della rete ovvero a seguito di eventi calamitosi riconosciuti come tali dalle competenti autorità.

In caso di esaurimento della disponibilità di potenza incentivabile è previsto un periodo di moratoria di 14 mesi (24 mesi per i soggetti pubblici) dalla data di raggiungimento del limite, comunicato dal GSE sul proprio sito internet.\\I l GSE è il soggetto attuatore che qualifica gli impianti fotovoltaici, eroga gli incentivi ed effettua attività di verifica.

Quadro Normativo del Terzo Conto Energia

terzo_conto_energia_2011-2013.txt · Ultima modifica: 2011/03/10 09:20 (modifica esterna)

Strumenti Pagina